Immanenza e trascendenza nella riabilitazione hegeliana delle prove dell’esistenza di Dio

Immanenza e trascendenza
Menegoni

1. Gli esiti della critica kantiana delle prove dell’esistenza di Dio


La filosofia kantiana ha il merito di aprire una nuova epoca che pone al centro dell’attenzione il pensiero in tutte le sue varianti e modalità più e prima degli oggetti pensati: l’oggettivitàdiviene cosìuna questione interna allo stesso pensare. Le conseguenze della svolta critico-trascendentale sono molteplici e investono campi diversi. In questa sede ci occuperemo di quelle che investono il versante della teologia filosofica, con particolare attenzione per la tradizione delle prove dell’esistenza di Dio.


Com’è noto, questa tradizione attraversa larga parte della cultura filosofica e teologica medievale e moderna: dalla definizione dell’argomento ontologico di Anselmo di Canterbury, alle cinque vie tracciate da Tommaso d’Aquino fino agli sviluppi di questa tematica in Descartes, Spinoza, Leibniz.


Questo cammino subisce una battuta d’arresto in seguito alla radicalitàcon cui il criticismo kantiano denuncia il fallimento dell’intero apparato delle prove, operando un’esplicita riconduzione dei tre argomenti principali (ontologico, cosmologico e fisico-teologico), alla prova ontologica .


Kant dimostra così che non esiste una molteplicità di argomentazioni per la dimostrazione dell’esistenza di Dio, ma un unum argumentum, elaborato pertanto da un pensiero che non esce da se stesso e che ha a che fare solo con se stesso.


Questa dimostrazione appartiene al cuore del programma critico, a quella parte in cui Kant fissa i limiti non oltrepassabili da una ragione che intenda attenersi a un uso immanente dei propri princìpi


 


* * *


[Per consultare l'articolo integrale vi cpeìreghiamo di accedere alla piattaforma di e-paper  della rivista]


* * *


 


1. Cfr. I. Kant, Kritik der reinen Vernunft, 2, Auflage, 1787, in Kant’s gesammelte Schriften, Bd. III; (trad. it. di G. Gentile, G. Lombardo-Radice, Critica della ragion pura, ediz. riv. con Introduzione, Glossario e Indice dei nomi a cura di V. Mathieu, Laterza, Roma-Bari, 19969 , p. 424; p. 404. D’ora in avanti KrV con l’indicazione della pagina dell’edizione tedesca seguita dalla pagina della traduzione italiana.