Appendice II: i luoghi della formazione

Il viaggio: ricerca di sé e degli altri. Certeau legge Favre
Pepe

La scelta di diventare uno storico viene fatta da Certeau per obbedienza alla Compagnia, che voleva tornare alle proprie radici e confrontarsi con le opere dei primi gesuiti francesi. La sua formazione nasce dal contributo di illustri maestri come Jean Baruzi, Jean Orcibal, Alphonse Dupront e Roland Mousnier. Da essi Certeau apprende che lo studio del passato è nell’entredeux, altro rispetto al suo presente che lo condiziona; impara che la pratica di scrivere della storia è un cammino precario, fatto di rotture che provocano frammenti, pratica di prossimità all’altro che non si possiede e continuamente sfugge.

* * *

Puoi acquistare la versione integrale dell'articolo vai su http://epaper.eurom.it/index.php/leussein/ <?xml:namespace prefix = u1 />

* * *